Prestiti delega BCC

322

prestiti delega BCC sono una possibilità per i lavoratori dipendenti che necessitano di una liquidità superiore a quella che potrebbero ottenere attraverso una cessione del quinto. La delega di pagamento ha molte similitudini con la cessione del quinto, in particolare sulla modalità di rimborso del debito che avviene tramite trattenuta diretta in busta paga. Ma se nella cessione del quinto non si supera il 20 per cento come importo massimo della rata, con il prestito delega arriva al 40 per cento della retribuzione netta. Per ottenere i prestiti delega BCC bisogna consegnare le ultime buste paga, carta di identità e codice fiscale per avviare la fase istruttoria.

I requisiti per i dipendenti privati

I lavoratori dipendenti del settore privato devono soddisfare una serie di requisiti per poter accedere ai prestiti delega BCC: innanzitutto devono lavorare per aziende quali srl, spa e coop, e poi avere un contratto di lavoro a tempo indeterminato. Ma gli elementi fondamentali per la valutazione di un profilo quale lavoratore dipendente privato sono:

  • Anzianità di servizio
  • TFR maturato in azienda
  • Pensione integrativa

Quanto più sono gli anni di anzianità di servizio, tanto maggiore è il TFR accantonato in azienda, che funge da garanzia per il credito. In caso di TFR non sufficiente, è possibile per la finanziaria valutare come garanzia un trattamento pensionistico integrativo. Una volta concluso l’iter di valutazione, entro una decina di giorni al massimo, è possibile erogare il finanziamento tramite bonifico bancario su conto corrente.

Chi può accedere al finanziamento

Possono accedere ai prestiti delega BCC tutti i lavoratori dipendenti del settore pubblico e privato. Sono invece esclusi i lavoratori autonomi, i liberi professionisti e in generale chi non ha una busta paga da presentare come garanzia. Restano esclusi dall’accesso alla delega di pagamento anche i pensionati, poiché l’Inps accorda per coloro che percepiscono un assegno previdenziale la sola cessione del quinto, salvaguardando la soglia minima di sopravvivenza fissata ogni anno dallo Stato, corrispondente a circa 500 euro al netto di tasse e trattenute.

In generale la valutazione sulla delega di pagamento deve coinvolgere qualsiasi lavoratore dipendente, poiché ogni soggetto che sottoscrive il finanziamento deve impegnare quasi metà del proprio stipendio per un periodo di tempo molto lungo. I piani di ammortamento dei prestiti delega BCC si estendono fino alle 120 rate mensili, per cui l’onere dell’ammortamento può giungere fino ai 10 anni complessivi. La rata è fissa e costante per tutto il periodo di tempo concordato, e non sono previsti garanti né fideiussioni, nemmeno per coloro che sono segnalati come protestati o cattivi pagatori.

Le informazioni circa le offerte delle aziende sono simulazioni e sono per natura cangianti nel tempo e potrebbero essere passibili di errore, quindi visitate sempre il sito della banca/finanziaria/azienda per avere tutte le informazioni aggiornate