Prestiti delega 3000 euro

204

Si possono ottenere con i prestiti delega 3000 euro? Questa soluzione di finanziamento è stata pensata appositamente per venire incontro alle esigenze dei lavoratori dipendenti, per cui la normale cessione del quinto non risulta uno strumento sufficiente o valido. Rivolgendosi agli istituti di credito e le società finanziarie presenti sul territorio, in ogni regione d’Italia, è possibile richiedere attraverso i prestiti delega 3000 euro, consegnando i documenti personali e di reddito necessari per la fase istruttoria, ovvero copia della carta di identità, codice fiscale e ultime due buste paga. Ma in cosa consiste la delega di pagamento? E in cosa differisce dalla normale cessione del quinto?

Cessione del quinto e prestito delega, le differenze

I prestiti delega sono molto simili alla cessione del quinto, e di base vi è lo stesso meccanismo di rimborso del capitale ricevuto, ovvero una trattenuta in busta paga da parte del datore di lavoro. Nella cessione del quinto l’importo della trattenuta non supera il 20 per cento della retribuzione complessiva, mentre nella delega di pagamento si raddoppia, arrivando al 40 per cento massimo. Altra differenza è che nella delega di pagamento è necessario avere l’autorizzazione formale dell’azienda per procedere alla cessione dei due quinti dello stipendio, laddove nella cessione semplice il datore di lavoro è obbligato a procedere.

Un’ultima differenza rilevante tra cessione del quinto e delega di pagamento riguarda la platea dei beneficiari: mentre la prima viene erogata anche ai pensionati, i possessori di un assegno pensionistico non possono ottenere la delega di pagamento, nemmeno una piccola cifra come possono essere i prestiti delega da 3000 euro. Questo per salvaguardare la soglia minima di sopravvivenza che verrebbe compromessa da una cessione del doppio quinto sulla pensione.

Protestati e cattivi pagatori possono ottenere la delega di pagamento?

Abbiamo visto come ottenere con i prestiti delega 3000 euro, e gli elementi peculiari del meccanismo di rimborso del credito. Esattamente come nella cessione del quinto, anche il prestito con delega consente di erogare il capitale anche a chi ha avuto disguidi finanziari nel recente passato: i cosiddetti protestati e cattivi pagatori possono pertanto avere opportunità di finanziamento tramite la delega di pagamento, in quanto lavoratori dipendenti in possesso di busta paga.

La presenza della busta paga è infatti ritenuta condizione sufficiente per erogare un finanziamento che sarebbe altrimenti impossibile da ottenere in altro modo: a garantire sono il contratto di lavoro a tempo indeterminato e soprattutto il fatto che a provvedere all’ammortamento del debito sia il datore di lavoro stesso, mediante la doppia trattenuta sullo stipendio.