Prestiti delega 1500 euro

230

Con i prestiti delega 1500 euro sono una cifra molto semplice da ottenere e rimborsare mediante la cessione del doppio quinto. Infatti una somma di denaro con la delega di pagamento viene rimborsata sfruttando una doppia trattenuta in busta paga, per cui l’importo della rata sarà massimo pari al 40 per cento della retribuzione netta. Per ottenere prestiti delega da 1500 euro basta rivolgersi agli istituti di credito e le società finanziarie presenti sul territorio, consegnando la documentazione personale e di reddito necessaria, che comprende codice fiscale, carta di identità e ultime due buste paga.

Il consenso dell’azienda

Anche per un importo basso è necessario con il prestito delega ottenere l’autorizzazione formale dell’azienda: mentre nella cessione del quinto standard il datore di lavoro non può opporsi ad applicare la detrazione in busta paga, la normativa vigente prevede per la delega di pagamento la sua approvazione, senza il quale non può avvenire la cessione del doppio quinto.

Una volta che viene comunicata alla banca o finanziaria l’approvazione alla cessione del doppio quinto, è possibile concludere l’iter istruttorio della pratica, per cui in genere bastano al massimo una decina di giorni. Dopo questo periodo di tempo il prestito delega da 1500 euro o qualsivoglia altra cifra viene erogato sul conto corrente tramite bonifico bancario.

La platea dei beneficiari

Possono accedere ai prestiti delega 1500 euro tutti i lavoratori dipendenti che operano tanto nel settore pubblico e statale, quanto in quello privato. I lavoratori dipendenti del settore privato devono appartenere alle seguenti tipologie di azienda

  • Spa
  • Srl
  • Coop

avere un buon TFR maturato in azienda, derivante dall’anzianità di servizio, e un contratto di lavoro a tempo indeterminato, anche se alcune finanziarie accettano di erogare la delega di pagamento anche a chi ha un contratto a tempo determinato, con delle restrizioni sul periodo di ammortamento che può essere concesso.

La presenza della busta paga consente anche ai protestati e cattivi pagatori di poter ottenere con i prestiti delega 1500 euro, nonostante la presenza di una segnalazione negativa nei registri del circuito bancario. Essendo il rimborso una cessione di due quinti dello stipendio, è lo stesso datore di lavoro a garantire l’ammortamento del debito, per cui nessun ente finanziario vede pregiudicato il pagamento degli interessi e la restituzione del capitale nonostante il protesto o qualsiasi altro disguido precedente. Sono esclusi dai prestiti con delega i lavoratori autonomi, i liberi professionisti e tutti coloro che non hanno una busta paga a garanzia del credito, ed anche i pensionati, che invece possono accedere alla normale cessione del quinto.