Prestiti delega 7000 euro

293

Mediante i prestiti delega 7000 euro sono una cifra assolutamente facile da ottenere per un lavoratore dipendente pubblico o privato. Avendo già contratto una cessione del quinto, ma con un bisogno di ulteriore liquidità, la delega di pagamento diventa uno strumento assai utile, potendo contare su una cessione di due quinti dello stipendio come modalità di rimborso. Infatti la rata mensile di ammortamento può raggiungere al massimo il 40 per cento della retribuzione netta, il doppio quindi di una normale cessione del quinto, scegliendo tra piani di ammortamento personalizzabili che possono arrivare fino a 10 anni.

Prestiti delega 7000 euro, come ottenerli

Per richiedere con i prestiti delega 7000 euro è necessario innanzitutto scegliere l’istituto di credito o la società finanziaria che maggiormente offre condizioni allettanti per il finanziamento. Dopo aver confrontato più preventivi e aver trovato la più conveniente agenzia sul territorio, ci si reca in filiale avendo con sé già tutti i documenti per avviare la fase istruttoria, ovvero:

  • Copia del documento di identità
  • Codice fiscale o tessera sanitaria
  • Ultime due buste paga

In aggiunta è necessario ottenere l’autorizzazione dell’azienda alla doppia cessione del quinto, senza la quale non è possibile concludere l’iter istruttorio per la delega di pagamento. Entro una decina di giorni al massimo viene erogato il capitale, che può essere concesso a qualunque lavoratore dipendente con busta paga e contratto di lavoro a tempo indeterminato, anche se iscritto nel registro dei protestati o dei cattivi pagatori.

I requisiti per la delega di pagamento

Rispetto a un lavoratore pubblico e statale, ci sono maggiori requisiti da rispettare per un dipendente del settore privato, il quale innanzitutto deve lavorare per un’azienda coop, spa o srl. In secondo luogo il contratto di lavoro deve essere a tempo indeterminato, sebbene vi siano finanziarie che accettano di erogare la delega di pagamento anche a lavoratori a tempo determinato, con limitazioni sui piani di ammortamento, che non possono superare la scadenza naturale del contratto di lavoro stesso.

I requisiti più importanti per un lavoratore dipendente privato sono invero:

  • Anzianità di servizio
  • TFR maturato in azienda
  • Trattamento pensionistico integrativo

Maggiore è l’anzianità di servizio, più consistente risulterà essere il TFR accantonato in azienda, e pertanto sarà più facile erogare un prestito delega da 7000 euro. In alternativa, se il TFR dovesse risultare insufficiente, si può mettere a garanzia un trattamento pensionistico integrativo, affinché l’istituto di credito o società finanziaria accetti di erogare la delega di pagamento senza difficoltà.

Le informazioni circa le offerte delle aziende sono simulazioni e sono per natura cangianti nel tempo e potrebbero essere passibili di errore, quindi visitate sempre il sito della banca/finanziaria/azienda per avere tutte le informazioni aggiornate