Prestiti delega 100.000 euro

198

Per ottenere con i prestiti delega 100.000 euro è necessario trovare una società finanziaria che li eroga, e consegnare la documentazione necessaria. Tale documentazione comprende copia del documento di identità, codice fiscale o tessera sanitaria, e infine le ultime due buste paga. In aggiunta è necessario per il lavoratore fornire il consenso formale dell’azienda per la cessione del doppio quinto dello stipendio, che è la modalità prescelta nella delega di pagamento come ammortamento del debito contratto con la banca o finanziaria. Per un prestito delega 100.000 euro rappresentano una cifra importante ma assolutamente fattibile, giacché viene impegnato fino al 40 per cento del proprio stipendio nel rimborso del capitale, entro un massimo di 10 anni di durata, ovvero 120 mensilità.

Le agevolazioni per i dipendenti pubblici

Possono richiedere prestiti delega sia i lavoratori dipendenti del settore pubblico, sia quelli del settore privato. Esistono tuttavia delle differenze, e va detto che a favore di determinate categorie di lavoratori, ovvero quelle che lavorano nel comparto statale, vi sono una serie di agevolazioni che vanno da una cifra massima richiedibile più elevata a tassi di interesse più bassi della media, e in generale condizioni finanziarie particolarmente vantaggiose.

Sono beneficiati da tali agevolazioni gli esponenti delle Forze Armate, i lavoratori dei ministeri o di alcuni di essi, e più in generali tutti i lavoratori della pubblica amministrazione che risultano iscritti alla piattaforma on line NoiPa. Per queste categorie di lavoratori dipendenti pubblici i prestiti delega da 100.000 euro possono risultare una soluzione di finanziamento non solo praticabile, ma anche estremamente allettante sotto molteplici punti di vista.

I requisiti per i lavoratori privati

Passando ai prestiti delega per lavoratori privati, bisogna specificare che esistono una serie di limitazioni maggiori, non avendo questi una garanzia così forte come lo Stato quale datore di lavoro. A partire dalla tipologia di azienda, per cui possono richiedere la delega di pagamento i dipendenti di aziende private:

  • Spa
  • Srl
  • Coop

Una volta accertato il tipo di azienda, e il tipo di contratto che lega lavoratore e impresa, che deve essere a tempo indeterminato o al massimo a tempo determinato con un ammortamento che non può oltrepassare la scadenza del contratto di lavoro, entrano in gioco altri fattori. È necessario infatti che il lavoratore abbia una buona anzianità di servizio, che si traduce in un TFR maturato in azienda che funga da garanzia sufficiente per l’istituto di credito o società finanziaria, affinché il prestito con delega possa effettivamente essere erogato al lavoratore dipendente privato.